Michael O’Leary: Non investirò mai in Bitcoin

Al momento in cui scriviamo, il bitcoin – la valuta digitale numero uno al mondo per numero di mercato – vale circa 11.300 dollari. Tuttavia, secondo alcuni – come Michael O’Leary della fama di Ryanair – il prezzo del bene dovrebbe essere un grosso, grasso zero.

Michael O’Leary non è pazzo di Bitcoin

Come abbiamo visto più volte, BTC non ha la capacità di attrarre tutti. Mentre molti la vedono come uno strumento rivoluzionario che potenzialmente può dare a molte persone non bancarie l’accesso a strumenti finanziari di cui altrimenti non potrebbero mai approfittare, alcuni vedono BTC come una frode o una truffa di qualche tipo. Uno schema Ponzi che dovrebbe essere ignorato o eliminato completamente.

Michael O’Leary è una di queste persone. In qualità di amministratore delegato di Ryanair, ha rilasciato di recente un’intervista che esprime il suo pensiero sulla risorsa e sulla crittovaluta in generale. Il suo problema principale è che non considera la valuta come un investimento solido. Il prezzo di BTC è ancora molto alto e basso. Teme che chiunque investa in Bitcoin System rischi di perdere potenzialmente tutti i suoi soldi senza preavviso.

Ma per O’Leary la preoccupazione è molto più personale. Recentemente, una truffa di bitcoin conosciuta come Bitcoin Lifestyle ha usato la sua immagine e una falsa approvazione da parte sua per promuoversi a vittime ignare. Sembra che O’Leary abbia preso l’incidente con le mani nel sacco, e ora associa tutte le bitcoin e le crittocittà con attività fraudolente o con schemi di marketing fasulli.

Egli afferma:

Non ho mai, e non investirei mai un centesimo in bitcoin, che credo equivalga a uno schema Ponzi… Consiglierei vivamente a tutti coloro che hanno un briciolo di buon senso di ignorare questa storia falsa ed evitare il bitcoin come una piaga.

Le parole di O’Leary sembrano ricordare quelle pronunciate da Warren Buffett del Berkshire Hathaway. Buffett non è mai stato un grande fan del bitcoin. Infatti, spesso lo ha definito un investimento fraudolento o in altri termini molto dispregiativi, e nonostante abbia ricevuto in dono dal fondatore e CEO di TRON, Justin Sun, un nuovo telefono contenente la crittovaluta, non sembra che la visione del magnate immobiliare di bitcoin o dei suoi cugini altcoin sia destinata a cambiare presto.

Alcuni odiatori diventano fan

Nel maggio dello scorso anno, Buffett ha dichiarato quanto segue a proposito di bitcoin:

E‘ un dispositivo per il gioco d’azzardo. Ci sono state molte frodi collegate ad esso. Ci sono state delle sparizioni, quindi si sono perse molte cose. Il bitcoin non ha prodotto nulla. Non fa niente. Se ne sta lì seduto. È come una conchiglia o qualcosa del genere, e questo non è un investimento per me.

Mentre O’Leary e Buffett sembrano determinati a mandare il Bitcoin nella tomba, altri – come Jamie Dimon di JPMorgan – hanno iniziato come odiatori, ma alla fine si sono riscaldati a criptare la valuta e hanno persino cercato di creare le loro monete digitali.